Rivolgersi a uno psicanalista

Quando rivolgersi a uno psicanalista?

In momenti difficili della propria vita come una crisi inaspettata, un lutto, un dolore accompagnato da angoscia, che creano disorientamento e sofferenza e che con l’aiuto di uno psicanalista possono essere affrontati per poter procedere nel proprio cammino personale.

Cosa fa uno psicanalista?

Lo psicanalista  è qualcuno a cui si parla liberamente  e da cui ci si attende una risposta diversa da quella che abbiamo già incontrato con altri interlocutori: medico, amico, prete. L’analista è lì per aiutare a individuare ciò che causa il nostro malessere e ad assumere la responsabilità di quanto insiste, in modo sintomatico, per farsi intendere.

Quanto costa e quanto dura un’analisi?

Durata e costi non sono standard, ma stabiliti in base all’impegno di ciascuno nel lavoro che si vuole fare.
Il lavoro analitico vero e proprio è quello più approfondito che va all’origine dei nodi conflittuali che hanno causato il disagio che ha spinto alla consultazione.

Chi può rivolgersi a uno psicanalista?

Chiunque, adulti, adolescenti e bambini. Pur cambiando il modo di accesso alla cura, poiché la domanda di cura di un bambino o un adolescente è di solito portata in un primo tempo da un adulto, il lavoro analitico non mette limiti all’età della persona che ha bisogno di aiuto.

Per quali sintomi ci si può rivolgere?

TERAPIA PER ADULTI

Ansia e attacchi di panico, disturbi dell’umore e depressione, sindromi da stress, conflittualità o violenza, problemi dell’identità sessuale, dipendenze, disturbi del comportamento alimentare, disagio nella funzione genitoriale, rotture o disagi nelle relazioni, problematiche di coppia, disagio familiare, difficoltà nell’ambiente lavorativo.

TERAPIA PER ADOLESCENTI

Crisi d’identità, disturbi del comportamento, dell’apprendimento, del linguaggio, disagio nella comunicazione, nel legame sociale, disagio della sessualità, disturbi dell’alimentazione e dell’immagine di sé, dipendenze, crisi nell’ambito familiare o scolare, dispersione scolastica e bullismo, isolamento sociale.

TERAPIA PER BAMBINI

Disturbi dell’apprendimento, del linguaggio e della comunicazione, disturbo da deficit dell’attenzione e dell’iperattività, disturbi del comportamento, dell’alimentazione, crisi nell’ambito familiare o scolare, psicosi infantile.